Invia Stampa

Oggetti del Consiglio

Oggetto del Consiglio n. 131 del 9 novembre 1950 - Verbale

OGGETTO N. 131/50 - CONCESSIONE DI SUSSIDI E ANTICIPAZIONE DI SOMMA PER SPESE RELATIVE A LAVORI DI COSTRUZIONE, PROLUNGAMENTO, AMPLIAMENTO E RIPARAZIONE DI CANALI DI IRRIGAZIONE - APPROVAZIONE E FINANZIAMENTO DI SPESA - DELEGA ALLA GIUNTA.

L'Assessore all'Agricoltura e Foreste, Geom. ARBANEY, riferisce al Consiglio in merito alla seguente relazione della Divisione Agricoltura e Foreste, concernente la proposta di approvazione e di finanziamento di spesa per la concessione di sussidi e per l'anticipazione di somma per spese relative a lavori di costruzione, prolungamento, ampliamento e riparazione di canali di irrigazione, relazione che è stata trasmessa in copia ai Signori Consiglieri, unitamente all'ordine del giorno dell'adunanza:

---

Tenute presenti le considerazioni che già hanno informato precedenti deliberazioni consiliari, relative a concessioni di contributi per spese di manutenzione straordinaria e di riparazione di canali irrigui, si ritiene opportuno riferire al Consiglio regionale in merito a nuove domande pervenute da parte di Consorzi irrigui, tendenti ad ottenere la concessione di contributi nelle spese di costruzione e di prolungamento di canali di irrigazione.

Le somme all'uopo disponibili nel bilancio per il corrente esercizio finanziario ammontano a circa Lire 80.000.000.

Ampliamento e prolungamento del Canale irriguo di Pompillard (Roisan-St. Christophe-Quart).

Il canale Pompillard irriga, fin da tempi remoti (il primo atto di riconoscimento reca la data del 20 maggio 1527), una estesa zona di circa 200 ettari, in territorio dei Comuni di Roisan, Aosta (Porossan) e St. Christophe.

Tale canale, scavato in massima parte nel terreno, si trova in un deplorevole stato di deterioramento. Basti considerare che la portata di oltre 400 litri alla presa, si riduce a circa 150 litri al confine fra Roisan e Porossan.

Si rende, perciò, necessario di provvedere alla esecuzione di urgenti opere di riparazione, di am-pliamento e di modifica del tracciato.

L'esecuzione di detti lavori, evitando scoli e perdite di acqua, consentirà, mediante il prolungamento del canale, di estendere l'irrigazione a terreni ubicati in Comune di Quart, attualmente non irrigati.

Si ritiene che, in seguito all'attuazione delle opere in argomento, sia possibile raddoppiare quasi l'area irrigabile.

I consorzi irrigui di Roisan, Porossan e St. Christophe, interessati alla esecuzione delle opere di cui si tratta, hanno incaricato l'Ing. Dr. Amato Christillin di studiare e compilare il relativo progetto tecnico.

Dall'esame del progetto stesso, risulta che la esecuzione delle opere di cui si tratta dovrebbe avvenire in due tempi:

1° TEMPO: rifacimento delle opere di presa in sponda sinistra del torrente Buthier, a quota 920 metri s.l.m. in territorio del Comune di Valpelline; rettifica del tracciato esistente per tutta la lunghezza del canale, suo consolidamento ed impermeabilizzazione mediante il rivestimento con lastre vibrate in calcestruzzo di cemento; attraversamento di contrafforti rocciosi con l'apertura di gallerie per una lunghezza di ml. 417.

2° TEMPO: prolungamento del canale fino a Quart per una lunghezza di km. 5.

Per la realizzazione del primo tronco, è stata preventivata una spesa di Lire 52.000.000, pari a Lire 5.800.000 per Km.

Il secondo tronco, essendo tutto all'aperto, comporterà minori spese valutabili nell'ordine di Lire 4.000.000 al Km.

Pertanto, l'importo complessivo di spesa è prevedibile in circa Lire 75.000.000, compresa la percentuale per progettazione e direzione lavori.

Gli utenti interessati hanno deliberato, in assemblea generale, di dare al più presto corso ai lavori, delegando, nel contempo, alle rispettive amministrazioni consorziali di approvare il progetto e di inoltrare opportuna richiesta di sussidio allo Stato ed all'Amministrazione regionale.

I consorzi interessati sono autorizzati con decreto di riconoscimento del Genio Civile di Aosta numero 1375, in data 2 giugno 1945, a derivare, per uso irriguo, moduli quattro di acqua da aprile a settembre. Di conseguenza non dovrebbero sussistere impedimenti di sorta all'ottenimento di un contributo da parte dello Stato, ai sensi del D.L. 13-2-1933, n. 215, per cui è stata inoltrata domanda ai competenti organi governativi contemporaneamente a quella presentata all'Amministrazione regionale.

Si ritiene superfluo illustrare i benefici che deriveranno all'agricoltura delle zone interessate, in dipendenza della esecuzione dei lavori di cui al surrichiamato progetto dell'Ing. Christillin.

Si reputa, pertanto, opportuno proporre la concessione a favore dei Consorzi irrigui legalmente riconosciuti di St. Christophe, Porossan e Roisan e dei futuri utenti del canale Pompillard, residenti in Comune di Quart, rappresentati dall'Amministrazione comunale, di Quart, di un sussidio straordinario da determinarsi in misura percentuale di un terzo dell'importo complessivo di spesa previsto per la esecuzione delle opere di cui trattasi, contributo da liquidarsi con quietanza del Presidente della Giunta Esecutiva dei Consorzi riuniti sopra citati, giusta deliberazione in data 7 ottobre 1950 dei rappresentanti dei Consorzi stessi e del Comune di Quart.

Canale Blanc (Nus).

Il Consorzio irriguo di fatto del canale "Blanc" ha presentato domanda al fine di ottenere la concessione di un sussidio nelle spese di riparazione straordinaria e di ampliamento del canale stesso.

Il canale "Blanc" deriva le acque dal torrente St. Barthélemy, in sponda destra, a quota 1945 s.l.m., si svolge lungo il fianco della vallata, per una lunghezza di m. 4015 e irriga i terreni coltivati a prato di pertinenza delle frazioni Champlaisent, Vallonière, Chancombré, Praz e Baravex del Comune di Nus.

La superficie attualmente irrigata dal canale in argomento è di ettari 101,50, ma potrebbe essere quasi raddoppiata con l'ampliamento e il prolungamento del canale.

I lavori di riparazione e di ampliamento progettati comporterebbero la esecuzione delle seguenti opere:

a) rifacimento delle opere di presa;

b) costruzione del canale derivatore;

c) costruzione dello vasca dissabbiatrice e di decantazione;

d) riparazione e ampliamento del canale distributore nel suo primo tratto per una lunghezza di 860 m.;

e) costruzione di opere accessorie, bocchette di presa d'acqua, ecc.

L'esecuzione di tali opere consentirà di assicurare la regolare irrigazione dei terreni costituenti l'attuale comprensorio del canale e costituirà, inoltre, la necessaria premessa per l'eventuale futuro ampliamento della superficie irrigata.

L'importo di spesa previsto per la esecuzione delle opere di cui si tratta ammonta a complessive Lire 5.575.279, compresa la percentuale per direzione e progettazione lavori.

Premesso quanto sopra, si ritiene di dover prospettare l'opportunità di concedere il richiesto sussidio, con delega alla Giunta di ridurne la misura, ove venisse accertata la mancata necessità di alcune fra le opere progettate, in relazione alle eventuali impossibilità di estendere la superficie irrigata e di derivare maggior quantità di acqua.

Canale di Joux (Verrayes)

Il Consiglio regionale, nell'adunanza delli 24-5-1948, ha deliberato: "di concedere a favore della Deputazione provvisoria del canale di "Joux" (Verrayes-Nus) il sussidio straordinario di Lire 18.000.000 (diciotto milioni) per il finanziamento delle spese di esecuzione dei lavori di costruzione di un nuovo tratto del canale Joux e di riparazione straordinaria del canale stesso, approvando la relativa spesa da liquidarsi alla Deputazione provvisoria del canale, con deliberazione di Giunta, in base agli stati di avanzamento dei lavori e delle forniture di materiali".

La Deputazione Provvisoria del canale di cui trattasi, eletta dalla Assemblea Generale degli utenti, convocati per la costituzione in consorzio, a mente del D.L. 13-2-1933 n. 215, ha richiesto che il Consiglio regionale voglia benevolmente considerare la possibilità di aumentare la misura percentuale del contributo di cui sopra, portandola ad un terzo dell'importo di spesa previsto dal progetto, a seguito della variazione dei prezzi.

L'importo di spesa preventivato ammonta a Lire 70.000.000 (settanta milioni) e, pertanto, allo scopo di aderire alla cennata richiesta, occorrerebbe concedere - ad integrazione del precitato sussidio - un ulteriore contributo di Lire 5.300.000. Fra le due soluzioni a suo tempo prospettate venne adottata la prima, consistente nel riattamento del primo tratto del canale e nell'attraversamento della catena di Avert mediante lo scavo di una galleria.

L'adozione di tale soluzione, invece di quella che prevedeva il ripristino del canale nel suo at-tuale tracciato, è stata determinata, per quanto più costosa, dai maggiori vantaggi offerti dalla medesima, che si riassumono in appresso:

a) maggiori garanzie di stabilità del canale - in quanto si elimina l'attraversamento delle zone più difficili, maggiormente permeabili e con ingenti opere d'arte e muri di sostegno nonché i lamentati danneggiamenti dolosi;

b) migliore utilizzazione dell'acqua, mantenendola in maggiore quantità lungo il percorso, con eliminazione di perdite e con distribuzione su un più ampio comprensorio, con vantaggioso ampliamento della superficie irrigua;

c) minori spese di manutenzione del canale e riduzione della lunghezza di circa 3.000 metri;

d) costruendo il canale in galleria sarà possibile anticipare il turno di irrigazione nel periodo primaverile, il che ha una particolare importanza nel caso in esame. Infatti, è risaputo che il canale all'aperto è continuamente esposto al pericolo di slavine e di scoscendimenti superficiali del terreno, che possono riempire l'alveo del rivo. Inoltre, durante il periodo invernale - data la rilevante altitudine - il canale si riempie normalmente di ghiaccio, neve e valanghe, il cui disgelo si protrae, spesso, nei tratti meno soleggiati, fino alla fine di maggio, per cui non è possibile immettere l'acqua nel rivo che a stagione molto avanzata, con grave danno per i terreni irrigati, segnatamente per quelli posti nella parte bassa del comprensorio che necessitano di irrigazione fin dagli inizi della primavera.

I lavori di cui si tratta vennero appaltati nel novembre dell'anno 1949 ed ebbero inizio nella scorsa estate.

Alla data del 23-9-1950 erano già stati eseguiti lavori per un importo di Lire 5.743.148 (3° stato di avanzamento) al netto del ribasso d'asta (5,80%).

A tutto il mese di settembre sono state liquidate tre rate d'acconto sul contributo concesso dal Consiglio regionale con deliberazione n. 215 del 9-10-1947, per un ammontare complessivo dì Lire 5.100.000.

Ciò premesso, e tenuto presente che, con la nuova sistemazione del canale di cui si tratta, si assicurerà il migliore e più redditizio funzionamento del canale per l'irrigazione dell'intero comprensorio irriguo, valorizzando in tal modo una vasta zona di terreni ove è particolarmente sentita la mancanza di acqua, si ritiene doveroso prospettare al Consiglio regionale l'opportunità di accogliere favorevolmente la precitata richiesta della Deputazione provvisoria del canale di Joux e di concedere un ulteriore sussidio di Lire 5.300.000 a complemento e ad integrazione del contributo già precedentemente stanziato, con delega alla Giunta di provvedere agli ulteriori provvedimenti deliberativi di esecuzione.

Canale irriguo Barme (Challant St.Victor)

Il canale irriguo "Barme", le cui opere di presa sono site in sponda sinistra del torrente Evan­çon, nelle immediate vicinanze del ponte di Vervaz, bagna i terreni che trovansi a monte della frazione Isollaz, in Comune di Challant St. Victor.

L'alluvione del 4 settembre 1948 asportò completamente le opere di presa di detto canale, provocando, inoltre, gravi danni anche lungo il percorso del medesimo, sì da rendere pressoché nulla la possibilità di irrigazione.

La locale Amministrazione comunale, preoccupata dei danni che potrebbero derivare all'agricoltura della zona qualora non si provvedesse a ripristinare il canale d'irrigazione di cui si tratta, ha incaricato un tecnico di studiare un progetto per la ricostruzione delle opere di presa del canale e per la riparazione del canale nei tratti danneggiati dall'alluvione.

Dall'esame del progetto risulta che per provvedere alla esecuzione di tali lavori si dovrà sostenere una spesa di Lire 788.355, a cui si debbono aggiungere altri lavori di sistemazione, ammontanti a Lire 3.618.891.

Ciò premesso, si ritiene opportuno di proporre la concessione di un contributo per la esecuzione delle opere di cui sopra, determinato in ragione del 50% dell'importo di spesa previsto per la ricostruzione delle opere asportate a seguito dell'alluvione e del 33% per le rimanenti opere.

QUANTO SOPRA PREMESSO:

ritenuta la necessità di incrementare la produzione agricola della Regione mediante la concessione di sussidi per il finanziamento dei lavori di prolungamento, di nuova costruzione, di ripristino e di riparazioni straordinarie di vari canali;

a parziale modificazione della deliberazione consiliare n. 91 delli 24 maggio 1948 (decisione di cui al n. 3 del deliberato);

SI PROPONE CHE IL CONSIGLIO DELIBERI

1) di concedere a favore dei consorzi riuniti di St. Christophe, Porossan e Roisan e dei futuri utenti del canale Pompillard, residenti in Comune di Quart, rappresentati dall'Amministrazione del Comune medesimo, il sussidio straordinario di Lire 17.300.000 (diciassette milioni trecento mila) per il parziale finanziamento delle spese di esecuzione del primo lotto dei lavori di ampliamento, rettifica e prolungamento del canale "Pompillard", approvando la relativa spesa da liquidarsi, mediante deliberazioni di Giunta, con quietanza del Presidente della Giunta Esecutiva dei Consorzi riuniti, previa approvazione del progetto su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

2) di concedere a favore del Consorzio irriguo di fatto del canale "Blanc", in Comune di Nus, il sussidio straordinario di Lire 1.850.000 (un milione otto cento cinquanta mila), per il parziale finanziamento delle opere di riparazione straordinaria e di ampliamento del canale stesso, approvando la relativa spesa, da liquidarsi mediante deliberazioni di Giunta, con quietanza del Presidente del consorzio irriguo di cui si tratta, previa approvazione del progetto e su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

3) di concedere a favore della Deputazione provvisoria del Consorzio irriguo canale di "Joux" (Verrayes) un ulteriore sussidio di Lire 5.300.000 (cinque milioni trecento mila) in aggiunta al sussidio già concesso dal Consiglio in Lire 18.000.000 (diciotto milioni) con deliberazione n. 91 in data 24-5-1948, per il finanziamento dei lavori di costruzione di un nuovo tratto del canale di "Joux" e di riparazione straordinaria del canale stesso, approvando la relativa spesa da liquidarsi mediante deliberazioni di Giunta, con quietanza del tesoriere Consorziale, su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

4) di concedere a favore del Consorzio irriguo di fatto del canale "Barme", in territorio del Comune di Challant St. Victor, un sussidio straordinario nella misura massima di Lire 1.600.000 (un milione seicento mila) e da stabilirsi rispettivamente in base alla quota del 50% delle spese effettivamente sostenute per la ricostruzione delle opere di presa e di derivazione nell'alveo del torrente, e del 33% delle spese effettivamente sostenute per la esecuzione delle rimanenti opere, approvando la relativa spesa da liquidarsi con deliberazioni di Giunta, su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

5) di approvare e di finanziare la complessiva spesa di Lire 26.050.000 (venti sei milioni cinquanta mila) da imputarsi all'articolo n. 144 del bilancio corrente esercizio finanziario "Spese per costruzione e riparazione di canali di irrigazione", che presenta sufficiente disponibilità.

6) delegare alla Giunta regionale l'adozione di ogni provvedimento deliberativo di esecuzione delle decisioni di cui ai precedenti numeri per il pagamento dei sussidi.

---

L'Assessore Geom. ARBANEY illustra e commenta le proposte di cui al referto surriportato, rilevando che le richieste di concessione di sussidio sono sottoposte all'esame e all'approvazione del Consiglio man mano che pervengono all'Assessorato all'Agricoltura e Foreste, debitamente corredate dei relativi progetti.

Riferisce, quindi, brevemente sulle singole proposte.

Ampliamento e prolungamento del Canale irriguo di Pompillard - (Roisan, Porossan, St. Christophe, Quart).

L'Assessore Geom. ARBANEY premette che il canale Pompillard, il quale deriva l'acqua dai torrenti di Bionaz e Valpelline, irriga una estesa zona di circa 200 ettari in territorio dei Comuni di Roisan (Aosta-Porossan) e St. Christophe.

Fa presente che la portata d'acqua del canale, che alla presa è di oltre 400 litri, si riduce attual-mente a circa 150 litri al confine fra Roisan e Porossan.

Precisa che tale perdita d'acqua lungo il percorso è dovuta al deplorevole stato di deterioramento in cui si trova il canale e che si rende, pertanto, necessario procedere alla esecuzione di urgenti opere per la sistemazione del canale lungo tutto il suo percorso.

Aggiunge che l'esecuzione di detti lavori consentirà, evitando perdite d'acqua, di estendere l'irrigazione a terreni ubicati in Comune di Quart, attualmente non irrigati, mediante prolungamento del canale stesso.

Informa che l'Ing. Christillin, per incarico ricevuto dagli amministratori dei Consorzi irrigui di Roisan, Porossan e St. Christophe, ha proceduto alla compilazione del progetto delle opere da eseguire. Dall'esame del progetto stesso risulta che l'esecuzione delle opere di cui si tratta dovrebbe avvenire in due tempi, come precisato nella relazione surriportata.

L'Assessore Geom. ARBANEY propone che, per ora, il Consiglio approvi la concessione di un sussidio nella misura di un terzo delle spese, preventivate in Lire 52.000.000, per l'esecuzione dei lavori di cui al primo stralcio del progetto (1° tempo). Rileva che i lavori di cui al secondo stralcio (2° tempo) potranno essere finanziati in seguito, sui futuri esercizi finanziari.

Comunica, a titolo informativo, che le Amministrazioni dei singoli Consorzi hanno già appaltato i lavori per l'esecuzione delle opere di presa e di nuova sede del canale a piccole imprese costruttrici, che hanno già provveduto alla sistemazione di un tratto del canale per circa 250 metri. Fa presente che i lavori di riattamento e di sistemazione straordinaria del canale vengono, invece, eseguiti in economia, a cura dei singoli Consorzi e adibendo ai lavori stessi mano d'opera locale che, altrimenti, sarebbe disoccupata.

Ritiene che gran parte dei lavori possa essere eseguita durante la stagione invernale, trovandosi il canale Pompillard in zona molto soleggiata.

Canale di Joux (Verrayes)

L'Assessore Geom. ARBANEY ricorda che il Consiglio regionale, nell'adunanza del 24 maggio 1948, aveva deliberato la concessione a favore della Deputazione provvisoria per il Consorzio del Canale "Joux" (Verrayes-Nus) di un sussidio straordinario di Lire 18.000.000, per il finanziamento delle spese di esecuzione dei lavori di costruzione di un nuovo tratto del canale "Joux" e delle spese di riparazione straordinaria del canale stesso.

Informa che, in seguito alla revisione dei prezzi, l'importo complessivo della spesa per l'esecuzione dei lavori di cui si tratta è risultato di Lire 70 milioni. Comunica che la Deputazione provvisoria del Consorzio del canale ha chiesto un ulteriore sussidio (Lire 5.300.000) ad integrazione del precedente, al fine di raggiungere il terzo dell'importo di spesa previsto dal progetto a seguito della revisione dei prezzi.

Informa che i lavori sono in corso di esecuzione e che continueranno, probabilmente, anche durante la stagione invernale; ritiene che i lavori possano essere ultimati verso il mese di giugno o luglio dell'anno 1951.

Fa presente che, con ogni probabilità, il sussidio richiesto non sarà sufficiente per finanziare il terzo della spesa dei lavori; ritiene, pertanto, che il Consiglio possa, in seguito erogare un ulteriore contributo, tenuto presente il fatto che la costruzione del nuovo tratto di canale "Joux" consentirà l'irrigazione di tutti i terreni della vasta e povera zona di Verrayes.

Canale Blanc (Nus)

L'Assessore Geom. ARBANEY riferisce che l'Amministrazione del Consorzio irriguo di fatto del canale "Blanc", in Nus, ha richiesto la concessione di un sussidio regionale, a titolo di concorso nelle spese, previste in Lire 5.575.279, per l'esecuzione di lavori di riparazione straordinaria e di ampliamento del canale di cui si tratta.

Ritiene che la proposta sia meritevole di considerazione, data l'urgente necessità della esecuzione dei lavori e anche per il fatto che, attualmente, nei primi 500-600 metri di percorso il canale, a seguito di perdite d'acqua, diminuisce di due terzi la sua portata di acqua.

Canale irriguo Barme (Challant St. Victor)

L'Assessore Geom. ARBANEY rileva che il canale irriguo "Barme" trovasi attualmente in stato deplorevole di manutenzione, per cui si rende assolutamente necessario procedere alla esecu-zione di lavori di riattamento.

Informa che l'alluvione del 4 settembre 1948 asportò completamente le opere di presa del canale "Barme", provocando anche gravi danni lungo il percorso del canale medesimo, sì da rendere pressoché nulla la possibilità di irrigazione.

Precisa che il sussidio da concedersi viene proposto nella misura del 50 per cento della spesa complessiva prevista per la ricostruzione delle opere asportate a seguito dell'alluvione e nella misura del 33 per cento per le rimanenti opere di riparazione straordinaria del canale.

---

L'Assessore Geom. Arbaney conclude la sua relazione rilevando che l'ammontare complessivo delle spese previste per la concessione di sussidi straordinari a favore dei Consorzi irrigui summenzionati è di Lire 26.050.000.

Il Consigliere Geom. G. NICCO dichiara che i Consiglieri del gruppo social-comunista non pos-sono che compiacersi per le proposte formulate dall'Assessore Geom. Arbaney nell'interesse dei contadini, proposte che essi approvano pienamente.

Chiede chiarimenti in merito all'esito delle nuove lastre di cemento di cui si prevede l'impiego.

Accennando quindi al Canale "Joux" (Verrayes), chiede se gli acconti siano corrisposti dalla Amministrazione regionale in base agli stati di avanzamento dei lavori "a metro lineare" anche per quanto concerne le opere di scavo in galleria.

L'Assessore Geom. ARBANEY risponde affermativamente e fa, all'uopo, riferimento alle condi-zioni del contratto e del capitolato d'appalto.

Consigliere Geom. G. NICCO rileva che le opere di scavo in galleria sono meno costose nel pri-mo tratto e diventano molto più onerose man mano che avanza lo scavo in galleria.

Ritiene opportuno, pertanto, che gli acconti siano corrisposti tenendo presenti i diversi costi dei lavori nei vari stadi di avanzamento degli scavi in galleria, ad evitare che, per ipotesi, l'impresa appaltatrice ad un certo punto possa rinunciare alla prosecuzione dei lavori.

L'Assessore Geom. ARBANEY ribadisce che il pagamento degli acconti deve essere fatto secondo le clausole stabilite nel contratto e cioè in base ad un unico invariabile prezzo unitario per tutti gli scavi in galleria. Aggiunge che sui pagamenti degli stati di avanzamento viene effettuata una trattenuta di garanzia del 10% da parte del Consorzio irriguo appaltante.

Il Consigliere Geom. G. NICCO ritiene insufficiente, nel caso in questione, la trattenuta del 10%, trattandosi di scavare in roccia una galleria di oltre 1500 metri di lunghezza; raccomanda all'Assessore Geom. Arbaney di tenere in considerazione la sua osservazione.

Il Consigliere Sig. BREAN ringrazia, anche a nome degli amministratori e della popolazione del Comune di Challant, l'Assessore all'Agricoltura e la Giunta regionale per il sussidio proposto nelle spese per il riattamento e la sistemazione del canale "Barme", in Comune di Challant St. Victor.

Fa, peraltro, osservare che il Consiglio regionale ha generalmente concesso sovvenzioni ai Consorzi irrigui per il finanziamento di spese necessarie per la esecuzione di opere di manutenzione e di riparazione straordinaria di canali irrigui in pessime condizioni per il fatto che, a tempo debito, non erano state eseguite le riparazioni occorrenti.

Rileva che, per quanto concerne, invece, il canale "Barme", la situazione è diversa, in quanto, com'è noto, il canale è stato gravemente danneggiato dall'alluvione del 4 settembre 1948.

Propone, quindi, l'assunzione a totale carico della Regione delle spese per la esecuzione delle opere a suo tempo distrutte o danneggiate dall'alluvione, nonché la maggiorazione della quota percentuale da assumersi a carico della Regione per l'esecuzione delle altre opere occorrenti per la sistemazione e il riattamento del canale.

L'Assessore Geom. ARBANEY rileva che l'Amministrazione regionale ha assunto a suo carico la spesa totale per il riattamento di canali soltanto nel caso del Comune di Issime, ove i canali stessi furono totalmente distrutti dall'alluvione del 4 settembre 1948. Precisa che in tutti gli altri casi l'Amministrazione regionale è intervenuta nella misura del 50% delle spese preventivate per l'esecuzione delle opere danneggiate dall'alluvione.

Fa presente, per quanto concerne il canale "Barme", che furono completamente asportate dall'alluvione le sole opere di presa mentre le altre opere, di cui si rende necessaria l'esecuzione, sono conseguenti alla non tempestiva esecuzione di lavori di manutenzione del canale da parte degli utenti i quali non disponevano dei mezzi occorrenti.

Precisa che, nel caso del Canale Barme, non si tratta di lavori di semplice ripristino di opere in legno ma, bensì, di costruzione di opere in cemento di carattere permanente; si tratta cioè non di semplice ripristino ma di un vero e proprio sostanziale miglioramento di opere.

Conclude, rilevando l'opportunità che il Consiglio, seguendo il criterio sino ad oggi adottato, ap-provi le proposte formulate nella surriportata relazione.

Segue discussione fra l'Assessore Geom. ARBANEY ed il Consigliere Sig. BREAN, al termine della quale il Consigliere Sig. Bréan dichiara di desistere dalla propria proposta.

Mr. le Conseiller MATHAMEL remercie Mr. le Géom. Arbaney, Assesseur à l'Agriculture, ainsi que le Conseil, pour l'intérêt démontré en faveur de la population de Verrayes.

Il Presidente, Avv. Dr. BONDAZ, pone ai voti l'approvazione delle proposte formulate dalla Giunta e di cui al referto surriportato.

IL CONSIGLIO

ritenuta la necessità di incrementare la produzione agricola della Regione mediante la concessio-ne di sussidi per il finanziamento dei lavori di prolungamento, di nuova costruzione, di ripristino e di riparazioni straordinarie di vari canali;

a parziale modificazione della deliberazione consiliare n. 91 in data 24 maggio 1948 (decisione di cui al n. 3 del deliberato);

ad unanimità di voti;

DELIBERA

1) di approvare la concessione a favore dei Consorzi riuniti di St. Christophe, Porossan e Roisan e dei futuri utenti consorziandi del canale Pompillard, residenti in Comune di Quart, rappresentati dall'Amministrazione del Comune medesimo, di un sussidio straordinario di Lire 17.300.000 (diciassette milioni trecento mila) per il parziale finanziamento delle spese di esecuzione del primo lotto dei lavori di ampliamento, rettifica e prolungamento del canale "Pompillard", approvando la relativa spesa da liquidarsi, mediante deliberazioni di Giunta, con quietanza del Presidente della Giunta Esecutiva dei Consorzi riuniti, previa approvazione del progetto su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

2) di approvare la concessione a favore del Consorzio irriguo di fatto del canale "Blanc", in Comune di Nus, di un sussidio straordinario di Lire 1.850.000 (un milione ottocento cinquanta mila), per il parziale finanziamento delle opere di riparazione straordinaria e di ampliamento del canale stesso, approvando la relativa spesa, da liquidarsi mediante deliberazione di Giunta, con quietanza del Presidente del Consorzio irriguo di cui si tratta, previa approvazione del progetto e su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

3) di approvare la concessione a favore della Deputazione provvisoria del Consorzio irriguo del canale di "Joux" (Verrayes) di un ulteriore sussidio di Lire 5.300.000 (cinque milioni trecento mila), in aggiunta al sussidio già concesso dal Consiglio in Lire 18.000.000 (diciotto milioni) con deliberazione n. 91 in data 24 maggio 1948, per il finanziamento dei lavori di costruzione di un nuovo tratto del canale di "Joux" e di riparazione straordinaria del canale stesso, approvando la relativa spesa, da liquidarsi mediante deliberazioni di Giunta, con quietanza del tesoriere consorziale, su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

4) di approvare la concessione a favore del Consorzio irriguo di fatto del canale "Barme", in territorio del Comune di Challant St. Victor, di un sussidio straordinario nella misura massima di Lire 1.600.000 (un milione seicento mila) e da stabilirsi rispettivamente in base alla quota del 50% dell'importo delle spese effettivamente sostenute per la ricostruzione delle opere di presa e di derivazione nell'alveo del torrente, e del 33% delle spese effettivamente sostenute per l'esecu-zione delle rimanenti opere, approvando la relativa spesa da liquidarsi con deliberazioni di Giunta, su presentazione di regolari stati di avanzamento dei lavori e di fatture per forniture di materiali.

5) di approvare e di finanziare la complessiva spesa di Lire 26.050.000 (ventisei milioni cinquan-ta mila) da imputarsi all'articolo n. 144 del bilancio corrente esercizio finanziario: "Spese per co-struzione e riparazione di canali d'irrigazione", che presenta sufficiente disponibilità.

6) di delegare alla Giunta regionale l'adozione di ogni provvedimento deliberativo di esecuzione delle decisioni di cui ai precedenti numeri, per il pagamento dei sussidi.

______