Consiglio Regionale della Valle d'Aosta
Info Conseil

Documenti allegati


Comunicato n° 471 del 24 agosto 2017

Presentata la nona edizione della Scuola per la Democrazia

In programma ad Aosta da venerdì 6 a domenica 8 ottobre 2017

Luciano Violante e Andrea Rosset

La Scuola per la Democrazia, il corso di alta formazione politica rivolto a giovani amministratori locali al di sotto dei 35 anni provenienti da ogni regione d'Italia, organizzato dal Consiglio regionale della Valle d'Aosta e dall'associazione italiadecide, in collaborazione con AnciGiovane, si terrà ad Aosta da venerdì 6 a domenica 8 ottobre 2017.

La nona edizione è stata presentata oggi, giovedì 24 agosto 2017, dal Presidente del Consiglio Valle, Andrea Rosset, e dal Presidente di italiadecide, Luciano Violante, alla presenza dei Vicepresidenti dell'Assemblea regionale, Antonio Fosson e Joël Farcoz, e dei Consiglieri segretari Carlo Norbiato e André Lanièce.

«La Scuola per la Democrazia - ha evidenziato il Presidente Rosset - in questi anni ha dato l'opportunità ai giovani amministratori di confrontarsi non soltanto con chi ha un robusto patrimonio di conoscenze e di esperienza, ma di dialogare tra di loro, incrociando diversi bagagli culturali e geo-politici e misurando sia le difficoltà sia le buone pratiche di governo dell'ente locale. Io credo che grazie al progetto si sia creato un vero e proprio legame intergenerazionale e generazionale che - e ne sono profondamente convinto - sta portando e porterà i suoi frutti. Perché è solo insieme che si possono vincere le sfide, collaborando e unendo le forze in maniera leale e onesta, salvaguardando il principio di autonomia di ognuno.»

«La Valle d'Aosta - ha detto il Presidente Violante -, con questa Scuola, che è tra le più longeve, dimostra di essere al servizio del Paese e dei giovani: un esempio che potrebbe essere raccolto anche da altre Regioni. I giovani che hanno partecipato alle varie edizioni si sono detti ancora più motivati a gestire meglio i problemi che hanno di fronte nel governo dell'ente locale.»

Il programma di quest'anno, che sarà incentrato sul tema della cooperazione tra gli enti locali e tra i livelli territoriali, si articolerà in tre lezioni tematiche, una tavola rotonda e due “lectio magistralis” oltre al lavoro di gruppo per l'approfondimento e il confronto tra i giovani amministratori che sarà poi raccolto in un documento finale. La cooperazione tra gli enti che convergono sul territorio costituisce la soluzione migliore per governare la complessità dei fenomeni che lo stesso territorio genera; essa favorisce inoltre la competitività territoriale che è la principale misura delle reali possibilità di sviluppo di ciascuna area.

Anche l'edizione 2017 conterà sulla presenza di relatori di spicco, in particolare il Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni, e il Ministro dell'interno, Marco Minniti, che interverranno nella giornata di domenica 8 ottobre a conclusione dei lavori.

Le lezioni si terranno ad Aosta, nella Sala Maria Ida Viglino, a Palazzo regionale, e si apriranno venerdì 6 ottobre, alle ore 14.00, con gli interventi dei Presidenti del Consiglio Valle, Andrea Rosset, della Regione, Pierluigi Marquis, e di italiadecide, Luciano Violante, del Coordinatore nazionale di Anci Giovane, Gianluca Callipo, del Vicepresidente e Direttore delle scuole di italiadecide, Alessandro Palanza. Alle ore 14.30, prenderà la parola Vasco Errani, Commissario straordinario di Governo per la Ricostruzione delle aree colpite dal terremoto del Centro Italia, per trattare della democrazia collaborativa per la ricostruzione oltre gli ostacoli, le deviazioni, gli errori e le reciproche incomprensioni; seguirà Carlo Mosca, Consigliere di Stato, che riguardo agli articoli 114 e 118 della Costituzione approfondirà la sicurezza urbana e la responsabilità repubblicana degli enti territoriali per il governo integrato del territorio secondo il principio di sussidiarietà.

Sabato 7 ottobre, i lavori inizieranno alle ore 9.45 con una tavola rotonda alla quale parteciperanno i Sindaci di Ascoli Piceno, Guido Castelli, di Napoli, Luigi de Magistris, di Pesaro, Matteo Ricci, di Torino, Chiara Appendino (quest'ultima in collegamento in videoconferenza) oltre che i Presidenti delle Regioni Liguria, Giovanni Toti, e Lazio, Nicola Zingaretti. Il confronto verterà sul sostegno dello Stato e delle Regioni alla cooperazione tra grandi e piccoli Comuni come metodo per il governo integrato del territorio e per lo sviluppo dell'economia territoriale. Nel pomeriggio, sono previste due lezioni tematiche: la prima sarà tenuta da Stelio Mangiameli, Professore ordinario di diritto costituzionale all'Università degli studi di Teramo e direttore dell'Istituto di Studi sui Sistemi regionali federali e sulle Autonomie ("la politica e la cooperazione tra i livelli e gli enti territoriali per una pianificazione integrata del territorio"); la seconda da Roberto Louvin, Professore associato di diritto pubblico comparato all'Università della Calabria e Presidente della Commissione paritetica Stato-Regione Valle d'Aosta ("Strumenti per il governo dello spazio montano").

La nona edizione della Scuola si concluderà nella mattinata di domenica 8 ottobre: alle ore 8.30 verranno esposte le relazioni dei gruppi di lavoro guidati da Alessandro Palanza, Carlo Mosca, Francesco Karrer e Paolo Urbani e si procederà con una discussione plenaria del documento finale. Alle ore 10.00, i giovani amministratori seguiranno la "lectio magistralis" del Ministro dell'interno, Marco Minniti, sul tema degli enti locali e le politiche dell'immigrazione, mentre alle ore 11.30, il Presidente del Consiglio dei ministri, Paolo Gentiloni, dialogherà con i giovani sul tema del principio collaborativo per il Governo della Repubblica ai sensi degli articoli 114 e 118 della Costituzione.

Il corso è rivolto a 45 giovani amministratori locali provenienti da ogni regione d'Italia e a 25 valdostani che saranno selezionati assicurando la parità di genere, la rappresentanza di tutte le aree geografiche e di tutte le espressioni politiche nonché delle diverse dimensioni dei comuni.

Le candidature degli amministratori valdostani dovranno pervenire entro le ore 12.00 di venerdì 15 settembre prossimo alla sede del Consiglio Valle di via Piave ad Aosta (Direzione Affari generali, Ufficio attività culturali e cerimoniale) oppure via mail (attivitaculturali@consiglio.vda.it) o tramite PEC-posta elettronica certificata (consiglio.regione.vda@cert.legalmail.it).

I lavori della Scuola per la Democrazia saranno trasmessi in diretta sul sito del Consiglio regionale (www.consiglio.vda.it), sul canale YouTube del Consiglio (www.youtube.it/user/consvda) oltre che sul canale televisivo TV Vallée (canale 15 del digitale terrestre).

SC

Documenti allegati